Pannelli Solari e Pannelli Fotovoltaici

Pannelli Solari per Camper: come funzionano e come sceglierli

Pannelli Solari per Camper: come funzionano e come sceglierliAvete mai pensato di comprare un camper?

E vi siete mai chiesti quale possa essere un’ottima fonte di energia che permetta di avere luce e acqua calda gratis se non i pannelli solari?

Chi è abituato a viaggiare in camper sa che il fatto di avere autonomia energetica in viaggio, e nel rispetto dell’ambiente, è qualcosa di fondamentale.

Proprio perché chi è abituato al camper ama viaggiare proprio per riscoprire se stesso e l’ambiente che lo circonda.

E poi la bellezza di poter creare la propria energia, quindi ecologia e risparmio insieme non è una cosa da non tenere nel giusto conto, anzi.

Ora come possiamo mai creare un’energia che sia economica e pulita?

Certamente con:

  • i pannelli solari
  • un regolatore che gestisce la carica e poi la scarica della batteria
  • un inverter (se si usa la corrente alternata)

Quello che è molto interessante è proprio questa soluzione: installando due o più pannelli solari sul tetto del camper posso avere energia sufficiente per alimentari tutti gli apparecchi elettrici che si trovano sul mezzo. E questo accumula energia pulita, quindi è davvero una cosa incredibile.

La cosa forse più interessante ancora è pensare di montare i pannelli sul camper soprattutto per chi fa viaggi lunghi che prevedono soste più o meno frequenti. L’aria che il camper crea spostandosi raffredda i pannelli solari che quindi migliorano di gran lunga le prestazioni degli stessi.

Adesso vediamo insieme quali sono i pannelli solari migliori.

Pensare di poter sfruttare la luce del sole per creare energia è una cosa fantastica, non ci vuole neppure chissà quanta prosopopea per riuscire a ragionare sul perché una persona debba e possa preferire un’energia pulita piuttosto che continuare ad inquinare con generatori a benzina da portarsi dietro per poter alimentare il mezzo di locomozione.

Noi dobbiamo sempre immaginare quale possa essere la strada migliore, per risparmiare in viaggio. Anche perché il viaggio inizia dall’idea di viaggio.

Quali sono i pannelli solari da scegliere?

Intanto qui puoi trovare la migliore scelta per i pannelli solari per il tuo camper.

Immagino che dall’altra parte dello schermo ci sia una persona appassionata di stile spartano e naturale, oppure non penserebbe neppure di comprarsi un mezzo per viaggiare come il camper.

Non so se vi siete trovati a guardare, quest’anno, un film molto malinconico, con due attori bravissimi come Donald Sutherland ed Helen Mirren che intraprendono, come ultimo atto di libertà, un viaggio on the road in alcuni stati della costa orientale degli States.

Sutherland è un professore malato di demenza senile e la Mirren è all’ultimo stadio di un tumore senza scampo.

Quando mi è stato chiesto di scrivere questo articolo informativo mi è subito venuto in mente quel film e quella sensazione che ha accompagnato tutta la mia visione della pellicola di una libertà e di una passione nei confronti del camping quello di una volta che è davvero indimenticabile.

Non dobbiamo pensare, proprio per questa passione per il camping, che la scelta dei pannelli solari sia una scelta che possa essere fatta a caso, questo è più che chiaro. Anche perché dobbiamo capire bene quale sia il fabbisogno energetico e anche cosa usiamo più o meno nel camper e per quanto tempo usiamo proprio il camper.

Quel film racconta di un vecchio camper dinosauro degli anni 70, di quelli essenziali in legno scuro che erano proprio perfetti per quei viaggi all’avventura tra femminismo e movimento hippie.

Ma ora non è così, ora un camper può essere quasi una casa viaggiante, con elettrodomestici di primo livello e con tutti i comfort che vi vengano in mente.

A questo proposito mi è tornato alla memoria il camper – casa di Moira Orfei, donna di circo, famosissima, che seguiva la carovana degli Orfei su questa casa – viaggiante che era dotata di ogni comodità, anche di una vasca idromassaggio Jacuzzi.

In entrambi i casi non stiamo parlando di certo di normalità, quindi, proprio per questo iniziamo più che altro a ragionare su quanti mesi all’anno noi siamo in camper, per quanto tempo, quanto dura il viaggio.

In effetti se lo usiamo solo d’estate e non abbiamo chissà quali attrezzature all’interno andrà bene anche un impianto che avrà una potenza di circa 100 watt. Questo è quello che io considero il minimo indispensabile per poter produrre quella che è la propria energia.

Un kit di pannelli da 100 watt pesa circa 11 chilogrammi, in realtà è un solo pannello che si monta su un supporto che va incollato sul tetto del camper (questo per far sì che nulla venga forato, di certo non il tetto del mezzo).

Quanta energia produce un pannello da 100 watt?

Offerta
Pannello Solare 100W Monocristallino per Camper. Kit completo di Accessori per il montaggio e di Regolatore 10A
  • GIA' INCLUSI NEL PREZZO accessori per un valore di oltre 80 €: regolatore 10A per 2 batterie, supporti in alluminio, passacavo e 6 m di cavo anti-UV*.
  • KIT PRE-ASSEMBLATO, il più rapido da installare. Consegna veloce con Amazon PRIME.
  • Pannello solare ad ALTO RENDIMENTO: ideale per camper, nautica e baite. Resa elevata anche in condizioni meteorologiche avverse.
  • MISURE comprensive di supporti: 1230 x 541 x 55 mm - 9 kg.
  • Prodotto di QUALITA' SUPERIORE, potenza dichiarata reale e certificata. Spedizione e assistenza dall'Italia.

La produzione ogni giorno arriva a 320 watt ma in determinate condizioni può arrivare a molto di più. Oltretutto un kit di quelli semplici per pannelli solari contiene:

  • il pannello da 100 vat
  • un regolatore per la carica
  • un passacavi
  • un supporto per il tetto
  • un cavo per le battterie
  • un cavo fotovoltaico

Ovviamente questo è un kit base, per uno che non ha tanta roba elettrica in camper, per chi non ha bisogno di un supporto elettrico per più giorni di viaggio.

Il mio consiglio, per chi deve viaggiare per più tempo, è proprio quello di prendere una coppia di pannelli solari che siano un po’ più potenti come watt e quindi permettano un momento di maggiore autonomia elettrica, per più tempo almeno.

Quale tipo di pannello è bene scegliere?

I pannelli solari sono di tre tipi:

Un pannello monocristallino di circa 1 metro x 60 centimetri produce circa 300 wattora. Ovviamente, quando parliamo di questi pannelli dobbiamo sempre pensare che devono essere inclinati verso il sole nella maniera migliore possibile.

Ad esempio molti, infatti proprio per questo motivo, preferiscono i pannelli in silicio perché danno grandi risultati anche se non sono orientati in maniera perfetta verso il sole.

Questi pannelli vengono fissati in orizzontale sul tetto del camper e vanno alla grande lo stesso.

Come funziona un pannello solare?

Come funziona un pannello solare?Arrivati a questo punto, però, penso che possa essere molto interessante capire come funzioni un pannello solare fotovoltaico, perché io stessa, prima di prendere in mano questo articolo non ne sapevo molto.

E invece devo ammettere che è un mondo molto interessante.

Il fotovoltaico è quel tipo di tecnologia che permette di produrre energia pulita con la luce del sole.  E questo lo sanno un po’ tutti. Altrettanto facile da sapere è questa è una fonte rinnovabile di energia, soprattutto non inquinante. Proprio per questa ragione, da un bel po’ di anni, viene considerata l’energia del futuro.

Ma come funziona questo modello energetico?

I pannelli solari fotovoltaici mettono insieme più celle fotovoltaiche e convertono l’energia dei fotoni in corrente elettrica.

Questo processo si chiama fotovoltaico perché stimola gli elettroni presenti nel silicio da cui è composta la cella solare e li trasforma in energia.

Ancora più semplice: quando un fotone colpisce la cella fotovoltaica questa stessa energia viene trasferita agli elettroni del silicio, che, eccitandosi, fluiscono in un circuito e producono corrente elettrica.

Questa corrente è continua poi sarà a noi trasformarla con un inverter in corrente alternata che serve a noi.

La conversione dei pannelli è al 100%?

Questa è una cosa che non sa quasi nessuno: l’efficienza di un pannello solare non è affatto al 100 per cento. Cioè le celle, anche se colpite in modo appropriato dai raggi del sole non è che trasformano tutta l’energia in corrente. Quello che avviene è un processo che raccoglie solo una parte di quella energia. I migliori modelli in circolazione, pensate, hanno una conversione di circa il 20 per cento dell’energia solare in elettricità. Alcuni modelli sperimentali, davvero molto molto costosi, permettono una conversione di circa il 30 per cento in elettricità ma sono dei modelli troppo elevati di costo per essere presi in considerazione davvero.

Quanto durano i pannelli e perché?

Ci sono una serie di fattori che fanno sì che un prodotto funzioni più o meno e vediamo cosa:

  • la temperatura
  • la sporcizia
  • l’ombra
  • i cablaggi
  • l’inverter
  • le irregolarità
  • gli anni passati

La temperatura ci sta, perché più il funzionamento e il surriscaldamento sono elevati e più i pannelli non funzionano affatto o funzionano molto poco.

La sporcizia è un altro elemento tremendo: tutto quello che si può accumulare sui pannelli non va bene, dalla terra alla sabbia, dagli escrementi degli uccelli alle resine degli alberi. Chiaramente se è sporco passa mano il sole e passando meno il sole c’è meno energia prodotta.

Quanto durano i pannelli e perché?Quindi pensate sempre alla manutenzione dei pannelli, è una cosa molto importante da fare.

Anche le ombre sono importanti, cioè dobbiamo capire se quell’albero ci fa ombra sul pannello, se sono le nuvole, per quanto tempo questa ombra rompe l’equilibrio del pannello, se abbiamo sbagliato a posizionarlo in quel lato del camper perché dobbiamo sempre stare in movimento, insomma è un fatto davvero serio.

Dobbiamo anche usare i cavi giusti. Senza cavi giusti si disperde energia e non va bene.

Poi c’è anche il fatto che l’inverter deve funzionale al meglio, al fatto ancora che ci possono essere delle irregolarità di fabbrica che portano il nostro prodotto a non essere efficiente al 100 per 100.

E poi dobbiamo anche pensare alla qualità del prodotto che stando fuori è, certamente, un prodotto di quelli che restano robusti per parecchi anni ma se scegliamo un prodotto scadente è chiaro che sia possibile che questo pannello si rovini molto prima. Quindi è bene sempre fare acquisti che siano giusti per le nostre esigenze e che rispettino non solo un budget economico ma anche quello che davvero cerchiamo.

Se abbiamo appena comprato il camper, abbiamo voglia di usarlo per un po’ di tempo è anche giusto pensare di spendere un po’ più di soldi e non comprare qualcosa che sia davvero poco giusto per noi.

Un pannello solare che sia una cinesata del costo di 60 euro durerà 6 mesi.

Invece un pannello solare di una buona marca può durare anche 20 anni, a un costo di certo non proibitivo di circa 200- 250 euro.

Io resto dell’idea, e ne sono davvero convinta, che ci troviamo in degli anni molto interessanti e tecnologici. A differenza della generazione precedente alla nostra abbiamo tutte le possibilità, in tutti i campi, di vivere meglio. Proprio per questa ragione è giusto scegliere i prodotti non solo in base ai prezzi ma in base alle informazioni che riusciamo a procurarci in internet, dopo aver fatto una bella ricerca, dopo aver comparato diversi prodotti, dopo aver capito quale sia la cosa che serve a noi.

Allora torniamo indietro, ragioniamo su quanti anni abbia il camper, cosa abbia all’interno il nostro camper, quanto tempo vogliamo usarlo, se ce la facciamo portandoci dietro solo i pannelli solari o abbiamo bisogno di un supporto che sia tipo un generatore da portarci dietro perché forse con il pannello solare non ce la facciamo. Cioè dobbiamo pensare a tutte queste cose prima di comprare qualcosa, soprattutto se questo qualcosa deve essere davvero funzionale al viaggio che vogliamo iniziare.
Ricordatevi anche di controllare quelle che possono essere le eventuali difficoltà logistiche e che a a volte non c’è solo il problema legato alla qualità del pannello ma anche all’errore umano.

Non viene messo bene, non ci sono i cavi giusti, è sporco e non viene pulito, c’è un’inclinazione che non va bene per prendere in pieno i raggi del sole. Insomma è chiaro che prima di dare la colpa al pannello e fare un’eventuale reclamo è bene capire se non sia colpa nostra.

Allora questa storia qui non deve essere solo una cosa tecnica soltanto e, soprattutto, se non siamo in grado di ragionare sulle cose tecniche chiamiamo un esperto invece che partire per un viaggio con un pannello messo male sul tetto del camper.

L’importante è che abbiamo iniziato a fare dei ragionamenti su cosa sia i pannelli solari fotovoltaici, perché è molto giusto saperne qualcosa e non fare discorsi aleatori sull’energia solare senza saperne in effetti nulla.

E poi chi ama il camper ama la natura e chi ama la natura non può non essere interessato all’energia pulita, cioè l’energia convertita dai raggi del sole.

Bisogna solo informarsi un po’, non trovate?